Rivoluzione Internazionale n° 183 pdf

Published by: RivoluzioneInternazionale
18 Luglio, 2019 - 18:32

Risoluzione sulla situazione internazionale (2019): conflitti imperialisti, vita della borghesia, crisi economica

Published by: RivoluzioneInternazionale
17 Luglio, 2019 - 19:56

1) 30 anni fa, la CCI ha evidenziato che il sistema capitalista era entrato nella fase finale della sua decadenza e della sua esistenza, quella della decomposizione. Quest’analisi si basava su una serie di fatti empirici, ma allo stesso tempo ha fornito un quadro per la comprensione di questi fatti: "in una situazione in cui le due classi fondamentali e antagoniste della società si affrontano tra loro senza riuscire nessuna delle due ad imporre la sua risposta decisiva, la storia non si sarebbe potuta fermare.

Tensioni Iran-USA: il capitalismo è caos e barbarie

Published by: RivoluzioneInternazionale
14 Luglio, 2019 - 11:19

Gaza, Libano, Siria, Iraq, Afghanistan, Yemen ... la spirale infernale del conflitto imperialista continua a spingere il Medio Oriente nella barbarie più profonda. Questa regione è un concentrato di tutto ciò che è più disgustoso nel capitalismo decadente. Dopo decenni d’instabilità, invasioni, guerre “civili” e di ogni tipo di conflitto omicida, l’Iran è ora nell’occhio del ciclone.

L’Italia nel quadro delle elezioni europee: difficoltà per la borghesia e trappole per i proletari

Published by: RivoluzioneInternazionale
9 Luglio, 2019 - 18:52

Le elezioni per il rinnovo del parlamento europeo sono state precedute da una forte campagna che chiamava alla mobilitazione dei cittadini per la difesa dell’Unione, messa in pericolo dall’avanzare delle forze populiste. In effetti, come abbiamo già analizzato a proposito della formazione del governo Conte in Italia[1], lo sviluppo a livello internazionale di forze populiste in questi ultimi anni costituisce un problema per la stessa borghesia.

Bilancio delle riunioni pubbliche sul movimento dei «Gilet gialli»

Published by: RivoluzioneInternazionale
25 Giugno, 2019 - 10:43

La CCI ha tenuto sei riunioni pubbliche in Francia sul tema «Perché i proletari devono difendere la loro autonomia di classe». Questo intervento, si è reso necessario per rispondere a numerose questioni riguardanti il movimento dei cosiddetti gilet gialli, questioni poste dal proletariato in generale e da numerosi elementi in via di politicizzazione. In effetti, abbiamo potuto sentire nei mezzi di informazione come nell'ambiente politicizzato che questo movimento è una manifestazione inedita della lotta di classe, qualcosa di comparabile allo sciopero generale del Maggio 1968.

Centenario della fondazione dell’Internazionale Comunista. Quali lezioni trarre per le lotte future?

Published by: RivoluzioneInternazionale
17 Luglio, 2019 - 20:59

Un secolo fa, un vento di speranza soffiava sull'umanità. Dapprima in Russia la classe operaia era riuscita a prendere il potere. Poi in Germania, in Ungheria e in Italia, ha coraggiosamente lottato per continuare il lavoro degli operai russi con una sola parola d'ordine: l'abolizione del modo di produzione capitalista le cui contraddizioni hanno fatto precipitare la civiltà in quattro anni di guerra. Quattro anni di barbarie senza precedenti fino ad allora che testimoniano l'ingresso del capitalismo nella sua fase di decadenza.

Maggio '68 ha davvero significato la fine di quasi mezzo secolo di contro-rivoluzione?

Published by: CCI
25 Febbraio, 2019 - 17:14

La CCI ha tenuto riunioni pubbliche in diversi paesi e città in occasione del 50° anniversario del maggio ‘68. In generale i partecipanti si sono dichiarati in accordo globalmente con le principali caratteristiche del movimento da noi presentate:

Cinquanta anni dopo Maggio 1968. I progressi e gli arretramenti della lotta di classe dal 1968

Published by: RivoluzioneInternazionale
17 Luglio, 2019 - 20:09

Senza gli avvenimenti del maggio 1968, la CCI non esisterebbe. Marc Chirik aveva già contribuito alla formazione di un gruppo in Venezuela, “Internacionalismo”, che dal 1964, e in seguito, aveva difeso tutte le posizioni di base che dovevano essere riprese un decennio dopo dalla CCI. Ma Marc era cosciente sin dall’inizio che solo una ripresa della lotta di classe nei centri del capitalismo mondiale sarebbe stata decisiva per attivare un cambiamento nel corso della storia.

Scioperi nelle maquiladoras (Messico): il miraggio sindacale ha castrato la combattività operaia

Published by: RivoluzioneInternazionale
17 Luglio, 2019 - 18:58

Matamoros è una città dello Stato di Tamaulipas, considerato una delle regioni più pericolose del Messico. È teatro di scontri continui tra bande mafiose che lottano per il controllo delle loro zone, seminando morte e terrore. Gli abitanti di questa regione, ma anche i migranti, messicani o centroamericani, che devono attraversare la regione per raggiungere gli Stati Uniti devono spesso fare i conti con sequestri, estorsioni e omicidi[1].

L’Internazionale dell'azione rivoluzionaria della classe operaia

Published by: RivoluzioneInternazionale
17 Luglio, 2019 - 19:02

Cento anni fa, nel marzo 1919, si tenne il primo congresso dell'Internazionale Comunista (IC), il congresso di costituzione della Terza Internazionale.

La borghesia britannica sta perdendo il controllo del suo gioco politico

Published by: RivoluzioneInternazionale
25 Giugno, 2019 - 10:26

Questa risoluzione, adottata da una conferenza nel gennaio 2019, cerca di delineare le principali prospettive per la situazione britannica nel prossimo periodo. Uno dei compiti principali di un'organizzazione rivoluzionaria è quello di presentare la comprensione più coerente possibile delle prospettive della situazione nazionale. Questo assume un'importanza ancora maggiore quando l'intera situazione sociale è dominata dalla crisi politica senza precedenti della classe dirigente sulla Brexit - una crisi che continuerà ad aggravarsi nel prossimo periodo.

Corrispondenza su Marx

Published by: CCI
25 Gennaio, 2019 - 19:19

Come i compagni che ci seguono sanno già, il 1 dicembre scorso abbiamo tenuto, assieme ai compagni dell’Istituto Onorato Damen, una Riunione Pubblica a Napoli sul tema: “1818-2018 A duecento anni dalla nascita di Carlo Marx. Una prima giornata di riflessione e confronto sugli insegnamenti del grande rivoluzionario”.

Iraq: in marcia contro l’economia di guerra

Published by: CCI
28 Settembre, 2018 - 23:51

In una regione segnata dalla guerra imperialista e dalle divisioni settarie, le recenti proteste sociali in Iran, Giordania e Iraq offrono la speranza che ci sia un'altra possibilità: la lotta unitaria degli sfruttati contro il capitale e la sua violenza brutale. Questo articolo, scritto da un simpatizzante, esamina le massicce manifestazioni che hanno spazzato il centro e il sud dell'Iraq.

170 anni fa, il Manifesto del Partito Comunista: un’arma per le lotte future

Published by: CCI
28 Settembre, 2018 - 23:06

170 anni fa fu pubblicato il Manifesto del Partito Comunista: “Al congresso del partito, Londra 1847, Marx ed Engels ricevettero l'incarico di redigere un programma completo, teorico e pratico, da pubblicare. Scritto in tedesco, il manoscritto fu stampato a Londra nel gennaio 1848, poche settimane prima della rivoluzione francese del 24 febbraio. Una traduzione francese apparve poco prima della rivolta di Parigi del giugno 1848” (prefazione di Engels all'edizione del 1888).

Rapporto sulle tensioni imperialiste

Published by: CCI
3 Settembre, 2018 - 19:08

Gli orientamenti principali del rapporto sulle tensioni imperialiste di novembre 2017 ci forniscono il quadro essenziale per comprendere gli sviluppi attuali:

- la fine dei due blocchi della ‘guerra fredda’ non significava la scomparsa dell'imperialismo e del militarismo. Sebbene le composizioni di nuovi blocchi e lo scoppio di una nuova ‘guerra fredda’ non siano all'ordine del giorno, i conflitti sono scoppiati in tutto il mondo. Lo sviluppo della decomposizione ha portato ad un sanguinoso e caotico scatenamento di imperialismo e militarismo;

22° CONGRESSO DELLA CCI Risoluzione sulla lotta di Classe internazionale

Published by: CCI
20 Marzo, 2018 - 23:43

         1. L’elezione di Donald Trump a presidente degli Stati Uniti, avvenuta poco dopo gli inattesi risultati del referendum nel Regno-Unito sull’Unione Europea (Brexit), oltre ad un'ondata di malessere e di timore ha creato anche una serie di interrogativi a livello mondiale. Come è stato possibile che i "nostri" dirigenti, quelli supposti di vegliare sull’ordine mondiale, abbiano consentito che si arrivasse a una tale situazione - una stortura che sembra andare contro gli interessi "razionali" della classe capitalista?

Manifestazioni in Iran: forza e limiti del movimento

Published by: CCI
1 Febbraio, 2018 - 20:23

Il 28 dicembre, le prime scintille di un movimento che ricorda quelle della "Primavera araba" hanno cominciato a scuotere il territorio dell'Iran. A questo movimento che sta perdendo slancio, nel momento in cui stiamo scrivendo, fanno eco altre espressioni di rabbia contro il deterioramento delle condizioni di vita, come in Marocco e in particolare in Tunisia.

Un'esplosione di rabbia spontanea

Scontri in Catalogna: il passato reazionario è nella democrazia e nella nazione, il futuro appartiene al proletariato

Published by: CCI
13 Dicembre, 2017 - 19:23

Pubblichiamo qui di seguito la traduzione di un volantino realizzato dai compagni della nostra sezione in Spagna che è stato diffuso in tutto il paese dopo gli scontri e la repressione in  Catalogna seguiti al referendum del 1° ottobre organizzato dagli indipendentisti. Si tratta della riaffermazione dell'internazionalismo proletario di fronte a una situazione che costituisce una ulteriore dimostrazione dell'attuale sprofondamento del sistema capitalista in un processo di decomposizione sociale che ha effetti pericolosi per la classe operaia e l'umanità tutta.

Riunione Pubblica

Un secolo dopo la Rivoluzione in Germania

Published by: CCI
26 Marzo, 2019 - 18:20

Un secolo fa, a cavallo degli anni 1918 e 1919, il proletariato si solleva in Germania, organizzandosi in Consigli e opponendosi alla barbarie capitalista. Saldare la rivoluzione dell’arretrata Russia e quella della più sviluppata Germania avrebbe potuto rappresentare una concreta possibilità di vittoria del proletariato, nel contesto dell’ondata rivoluzionaria internazionale tra gli anni Dieci e Venti del Novecento. La storia sarebbe potuta essere un’altra.
La sconfitta in Germania fu drammatica ma allo stesso tempo ricca di lezioni su:

Rivoluzione Internazionale n° 6

Le lezioni di Kronstadt

Published by: RivoluzioneInternazionale
5 Novembre, 2017 - 21:20

INTRODUZIONE

Una tragedia proletaria

Può esistere un capitalismo “verde”

Published by: RivoluzioneInternazionale
17 Luglio, 2019 - 18:52

Ogni giorno le prove della catastrofe ambientale diventano sempre più allarmanti: scioglimento dei ghiacciai, incendi e inondazioni legati al riscaldamento globale, massiccia estinzione di specie, aria irrespirabile nelle città, accumulo di rifiuti plastici negli oceani. E’ quasi impossibile tenere il passo con le notizie dei media e della stampa.

Il Brasile entra nella tormenta

Published by: RivoluzioneInternazionale
25 Giugno, 2019 - 10:36

Crisi economica, spettro di una repressione sempre maggiore, approfondimento della miseria, insicurezza crescente, previsione di profondi attacchi anti-operai, minacce di guerra, rischi di caos legati alla personalità stessa del nuovo presidente, Bolsonaro, entrato in carica il 1 gennaio 2019.

Crisi in Venezuela: né Guaidò né Maduro! I lavoratori non devono sostenere alcuna frazione della borghesia nella loro lotta per il potere!

Published by: CCI
25 Aprile, 2019 - 19:00

Lo scontro che da anni oppone le frazioni borghesi rivali dell’opposizione e del chavismo in Venezuela ha raggiunto un livello maggiore dai primi giorni del 2019.

LENIN - LUXEMBURG - LIEBKNECHT

Published by: CCI
1 Marzo, 2019 - 00:05
Il proletariato deve riappropriarsi delle sue esperienze rivoluzionarie

Movimento dei «gilet gialli»: contro gli attacchi della borghesia, il proletariato deve rispondere in maniera autonoma, sul proprio terreno di classe!

Published by: CCI
23 Dicembre, 2018 - 17:00

Lo scorso 10 ottobre, due camionisti di Seine-et-Marne lanciano un appello su Facebook per manifestare il 17 novembre con il titolo «Blocco nazionale contro l'aumento del carburante». Molto presto il loro messaggio è rilanciato su tutte le reti social, raggiungendo fino a 200.000 persone «interessate». Le iniziative e gli appelli si moltiplicano. Senza sindacati o partiti politici, in maniera spontanea, si programmano tutta una serie di azioni, di manifestazioni e di blocchi.

Bicentenario di Karl Marx: un combattente della classe operaia

Published by: CCI
28 Settembre, 2018 - 23:14

In Stato e Rivoluzione Lenin scriveva: “Finché sono vivi i grandi rivoluzionari le classi di oppressori li ricompensano con incessanti persecuzioni: accolgono la loro dottrina con rabbia brutale, odio feroce, con squallide campagne di menzogne e di calunnie.

Dichiarazione sulle tensioni di guerra intorno alla Corea del Nord - International Communist Perspective (Corea del Sud)

Published by: CCI
4 Ottobre, 2017 - 19:57

Pubblicando qui di seguito una dichiarazione inviata dal gruppo International Communist Perspective (Corea del Sud) sulle tensioni imperialiste nella penisola coreana.

La classe operaia e le guerre del capitalismo in decomposizione

Published by: CCI
8 Maggio, 2016 - 19:33

Un secolo fa, il primo maggio 1916, sulla piazza di Postdam a Berlino, il rivoluzionario internazionalista Karl Liebknecht dava la risposta della classe operaia alla guerra che devastava l'Europa e massacrava tutta una generazione di proletari.

Riunione Pubblica a Napoli

IL POPULISMO AL POTERE IN ITALIA Un governo antiproletario che è un problema per la stessa borghesia

Published by: CCI
11 Ottobre, 2018 - 19:15

Al di là delle chiacchiere sul presunto “governo del cambiamento”, l’essenza antiproletaria di questo governo emerge con sempre maggiore chiarezza: guerra ai migranti e agli occupanti di case, flat tax che non cambia nulla per i proletari ma aiuta solo i grandi redditi, nessuna abolizione della “famigerata legge Fornero” che verrà solo riformata.

Riunione Pubblica a Milano

A 50 ANNI DAL MAGGIO ‘68 Un incontro di riflessione e dibattito

Published by: CCI
1 Ottobre, 2018 - 15:45

 

Riunione Pubblica

1818-2018 A duecento anni dalla nascita di Carlo Marx

Published by: CCI
21 Novembre, 2018 - 13:58

Rivoluzione Russa 1917-2017

La degenerazione della rivoluzione russa

Published by: CCI
13 Dicembre, 2017 - 19:13

Il secondo numero di Forward, la rivista dell'RWG, contiene una discussione internazionale tra la nostra corrente (Internacionalismo; "Difesa del carattere proletario della Rivoluzione d'Ottobre") e l'RWG. ("Gli errori d'Internacionalismo sulla Rivoluzione russa"). Nella critica al nostro articolo l'RWG solleva questioni importanti senza però dare un quadro generale che permetta la comprensione globale dell'esperienza russa.

Difesa del carattere proletario della rivoluzione d’ottobre

Published by: CCI
13 Dicembre, 2017 - 18:25

Introduzione al testo

Il testo che segue è stato scritto nel '65 da Internacionalismo, un diretto antenato della nostra Corrente Comunista Internazionale e oggi sezione della C.C.I. in Venezuela. Il gruppo si era costituito nel 1964 in condizioni particolarmente difficili d’illegalità e di repressione feroce. In questo paese petrolifero e “democratico” la repressione, la tortura e l’assassinio non sono mai stati tanto esercitati quanto sotto il governo del Partito d’Azione Democratico, membro della II Internazionale.

21° Congresso CCI

A 40 anni dalla fondazione della CCI, quale bilancio e quali prospettive per la nostra attività?

Published by: CCI
6 Febbraio, 2016 - 22:16

"Il marxismo è una visione rivoluzionaria del mondo che deve chiamare a lottare senza tregua per acquisire nuove conoscenze, che niente rigetta se non le forme stereotipate e definitive e che mette alla prova la sua forza vivente nel tintinnio delle armi dell'autocritica e sotto i tuoni della storia". (Rosa Luxemburg, Critica delle critiche)

Risoluzione sulla situazione internazionale

Published by: CCI
23 Febbraio, 2016 - 18:04

Basarsi fermamente sulle acquisizioni del movimento operaio