La borghesia britannica sta perdendo il controllo del suo gioco politico

Questa risoluzione, adottata da una conferenza nel gennaio 2019, cerca di delineare le principali prospettive per la situazione britannica nel prossimo periodo. Uno dei compiti principali di un'organizzazione rivoluzionaria è quello di presentare la comprensione più coerente possibile delle prospettive della situazione nazionale. Questo assume un'importanza ancora maggiore quando l'intera situazione sociale è dominata dalla crisi politica senza precedenti della classe dirigente sulla Brexit - una crisi che continuerà ad aggravarsi nel prossimo periodo. Senza una comprensione delle radici e delle conseguenze di queste turbolenze, è impossibile trarre le probabili implicazioni per il proletariato britannico e internazionale nei prossimi anni.

Il ruolo della risoluzione non è quello di fornire un'analisi dettagliata delle dinamiche in atto - questo viene fatto nel rapporto sulla situazione nazionale della stessa conferenza - ma di definire un quadro teorico generale e le sue implicazioni. Nell'ultimo numero di World Revolution abbiamo pubblicato la sezione storica del rapporto, alla quale i lettori possono fare riferimento[1].

In questa introduzione vogliamo esaminare se la risoluzione è stata verificata dallo svolgersi degli eventi.

La risoluzione sostiene che la Brexit è il prodotto della combinazione del declino secolare dell'imperialismo britannico, delle divisioni all'interno della classe dirigente che questo ha generato, dell'approfondimento dell'impatto della decomposizione del capitalismo dalla crisi finanziaria del 2008 e dell'aumento del populismo. La risoluzione dimostra che la borghesia è coinvolta in contraddizioni inconciliabili. Queste sono rappresentate non solo dall'ascesa del populismo, ma anche dalle divisioni già esistenti in Europa all'interno dei principali partiti, che sono state spinte a tal punto da distruggere l'apparato politico parlamentare accuratamente costruito che ha servito così bene la borghesia britannica negli ultimi due secoli.

Ciò è stato pienamente confermato dalla paralisi della macchina parlamentare negli ultimi 6 mesi. Entrambi i principali partiti politici sono stati lacerati da lotte tra fazioni su Brexit. L'accordo di ritiro elaborato dal governo May e dall'Unione europea, volto ad evitare che il Regno Unito si ritiri semplicemente dall'Unione europea, è stato compromesso dall'incapacità delle principali fazioni di entrambe le parti di accordarsi sulle modalità di attuazione del piano. May non è stata in grado di scendere a compromessi a causa delle pressioni esercitate dai sostenitori della linea dura pro-Brexit, mentre Corbyn è stato limitato dalle divisioni all'interno del Labour, dove importanti fazioni vogliono un'unione doganale o un secondo referendum. L'ultimo sforzo disperato per ottenere quest’accordo è stato quello dei colloqui comuni tra le due parti, ma questi sono stati condannati perché è diventato ovvio che May sarebbe stata allontanata dal potere dalle fazioni del partito Tory contrari a un accordo con il Labour, come è stato dimostrato quando May ha annunciato che si sarebbe dimessa il 7 giugno. Questa paralisi ha ora prodotto una lotta per la leadership nel partito Tory, con le figure più accanite pro-Brexit facilmente in testa, ma qualunque sia il risultato non risolverà la situazione di stallo.

Questo vuoto politico ha stimolato un nuovo aumento del populismo, alimentato dalla rabbia e dalla frustrazione per l'incapacità del parlamento di progredire sulla Brexit. Farage e i suoi ricchi sostenitori borghesi hanno approfittato appieno di questo vuoto formando il Partito Brexit. Questo nuovo partito esprime un serio pericolo per i principali partiti. Rappresenta un nuovo volto del populismo. Non c'è più la stridente retorica anti-immigrazione e i personaggi strani e bizzarri che hanno reso l'UKIP inaccettabile per molti. Il nuovo partito è molto abile, svolge una sofisticata campagna internet e si vende come multiculturale e sostenuto da elettori più giovani. Farage ha guadagnato molto dal suo rifiuto del crescente razzismo e dell'islamofobia dell'UKIP. Questa operazione è un serio tentativo di penetrazione nei partiti principali, basato sull'essere l'unico partito in grado di difendere il voto democratico del "popolo".

L'ascesa del Partito Brexit, ha mandato tutto a rotoli. Un nuovo leader del partito Tory non vorrà indire elezioni generali finché Brexit non sarà risolta, perché, come ha detto un ex collaboratore di Cameron, verrebbe fatto a pezzi. Il Labour sarà anche molto riluttante ad andare alle elezioni perché il partito Brexit sta facendo uno sforzo per vendersi come il partito dei lavoratori.

Questo significa che tre anni dopo un referendum che avrebbe dovuto respingere l'ondata di populismo, la classe dirigente si trova ora di fronte a un partito populista più sofisticato e rinvigorito che getta benzina sulla sua crisi politica.

Come dice la risoluzione, questa crisi minaccia l'integrità territoriale dello Stato britannico. L'elezione di un sostenitore della Brexit di linea dura come leader dei Tory e/o l'arrivo del Partito Brexit in parlamento aggraverebbe le tensioni con la frazione scozzese filo-indipendenza della borghesia.

Questo impatto non è limitato alla Gran Bretagna. Come spiega la risoluzione, Brexit ha contribuito al rafforzamento del populismo in Europa e negli Stati Uniti. L'Unione europea e le principali potenze europee hanno risposto con una linea molto dura nei confronti della borghesia britannica. Questa linea ha  prodotto alcuni vantaggi, perché il caos politico ha originato una vera paura anche tra i partiti e i governi populisti europei, che ora hanno abbandonato o attenuato la richiesta di lasciare l'Unione europea. Tuttavia, l'estrema destra populista rappresenta ancora una seria minaccia per il futuro dell'Unione europea.

Le speranze dei sostenitori della Brexit di una nuova “globale” Gran Bretagna in grado di stringere accordi di libero scambio hanno già iniziato a colpire la dura roccia della realtà. La crescente guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina ha messo in chiaro che gli Stati Uniti non esitano a minare gli interessi dei loro ex alleati nella lotta sempre più disperata con la Cina. Lo scandalo Huawei ha visto la Cina minacciare i suoi investimenti in Gran Bretagna se il governo britannico cede alle pressioni degli Stati Uniti per bandire Huawei dalle sue infrastrutture.

La lotta con la Cina per il dominio globale, insieme all'intenzione di minare i suoi rivali europei, significa che gli Stati Uniti hanno scarso interesse ad un debole Regno Unito al di fuori dell'Unione europea. Trump era felice di incoraggiare Brexit per danneggiare l'UE, ma, una volta che Brexit avrà luogo, quale ruolo potrà svolgere il Regno Unito per gli Stati Uniti?

La prospettiva della risoluzione sull'approfondimento della crisi politica è stata verificata dagli eventi. Il suo monito alla minaccia del populismo in questa situazione di paralisi era giustificato. L'emergere del Brexit Party è un altro fattore di caos e instabilità, mettendo ulteriormente a repentaglio gli sforzi dello Stato britannico per garantire una Brexit ordinata.

Le implicazioni di questa situazione per la classe operaia sono terribili. Più di un decennio di austerità ha avuto luogo con quasi nessuna risposta da parte della classe. Questo non significa che non c'è malcontento, ma non ha trovato espressione nella lotta di classe a causa della profonda mancanza di fiducia in se stessi del proletariato. Questo disorientamento e la demoralizzazione sono stati esacerbati dalla Brexit e dalla crisi politica. Il sostegno al populismo e la sua semplicistica promessa di un domani migliore tra settori proletari è espressione di questa depressione e disperazione. Tuttavia, un pericolo ancora maggiore per il proletariato si sta mobilitando dietro l'antipopulismo e la sua difesa della democrazia e dello Stato democratico. Attualmente e nel prossimo periodo il proletariato avrà difficoltà ad evitare di essere mobilitato dietro queste diverse fazioni borghesi.

Ma la crisi economica continuerà ad aggravarsi e, indipendentemente dalla fazione borghese che domina, tutti dovranno attaccare il proletariato. È solo lottando contro questi attacchi che la classe operaia può difendersi. Queste lotte vedranno la stessa risposta dei conservatori, dei laburisti o dei populisti, perché alla fine tutti difendono il capitalismo.

WR, 25.5.19

Geografiche: 

Questioni teoriche: