Asia

Asia

Dichiarazione sulle tensioni di guerra intorno alla Corea del Nord - International Communist Perspective (Corea del Sud)

Pubblicando qui di seguito una dichiarazione inviata dal gruppo International Communist Perspective (Corea del Sud) sulle tensioni imperialiste nella penisola coreana.

Vita della CCI: 

Geografiche: 

Eventi storici: 

Questioni teoriche: 

Tensioni intorno alla Corea del Nord: il capitalismo minaccia la sopravvivenza dell’umanità

“Intensificazione
militare in Corea del Nord”, “La Corea del Nord annuncia che è in stato di
guerra con il Sud”, “La Corea del Nord minaccia di colpire gli Stati Uniti”, “Minaccia
di guerra nucleare”… i titoli dei giornali ci hanno fatto sudare freddo. Ma
contrariamente alla propaganda che ci è stata servita mattina, pomeriggio e
sera, questa palpabile tensione militare non è il frutto dei soli cervelli
malati dei dirigenti nord-coreani. Tutta l’Asia del Sud-est è presa in questa
spirale. Ad esempio, negli ultimi mesi, il Giappone si è scontrato continuamente
con la Cina per il controllo delle isole Senkaku/Diyao e con la Corea del Sud
per quello dell’isola di Takeshima/Dokdo, a colpi di dichiarazioni bellicose e
di campagne nazionaliste. Del resto, per comprendere realmente ciò che avviene oggi
in Corea, è imperativo studiare la storia moderna, molto densa, dei conflitti
che hanno devastato l’Asia.

Geografiche: 

Questioni teoriche: 

Il conflitto nelle Isole Spratly: lavoratori delle Filippine e della Cina, unitevi!


Pubblichiamo
la traduzione di un articolo di Internasyonalismo,
organo della CCI nelle Filippine.

Vita della CCI: 

Geografiche: 

Patrimonio della Sinistra Comunista: 

Correnti politiche e riferimenti: 

Questioni teoriche: 

La classe dominante della Corea del Sud lacera il velo della sua “democrazia”

Abbiamo ricevuto la notizia dalla Corea che
otto militanti del “Socialist Workers League di Corea” (Sanoryun) sono stati
arrestati e accusati in virtù dell’infame legge della Corea del Sud “Legge di
Sicurezza Nazionale”. Questi compagni verranno giudicati il 27 gennaio.

Pubblichiamo qui di seguito la nostra traduzione
del discorso pronunciato da uno di questi militanti davanti al tribunale a
dicembre. Incoraggiamo i lettori a inviarci i loro messaggi di solidarietà che
trasmetteremo ai compagni coreani.

Geografiche: 

Patrimonio della Sinistra Comunista: 

Questioni teoriche: 

Tailandia: gli operai devono lottare per i propri interessi

Migliaia di
manifestanti, organizzati nel movimento delle ‘camicie
rosse’, hanno installato un accampamento con barricate e sono adesso
assediati
dall’esercito, che ha dichiarato il coprifuoco in alcune zone della
città con
lo scopo di intimidire i manifestanti ed impedire l’arrivo di qualsiasi
rinforzo.

Geografiche: 

In Corea, le grandi potenze giocano con il fuoco attorno ad un barile di polvere

A
fine maggio, la Corea
del Sud effettuava delle importanti manovre navali alle frontiere
marittime
della Corea del Nord. In reazione a queste il governo della Corea del
Nord
rispondeva che si trattava da parte della Corea del Sud di “una
provocazione
deliberata che mira a provocare un altro conflitto militare nel mar
Giallo e
spingere così verso una nuova guerra” e ha minacciato di “mettere in
opera
delle misure militari per difendere le sue acque territoriali, e il Sud
sarà
tenuto responsabile delle conseguenze”.

Geografiche: 

Questioni teoriche: 

Tibet: I “diritti dell’uomo” e la repressione dello Stato servono ambedue agli interessi imperialisti

Le proteste per il brutale trattamento della
popolazione del Tibet hanno inseguito il passaggio della torcia olimpica fin
dal momento in cui è stata accesa. Sembra che debbano raggiungere il punto
culminante il 21 giugno quando la fiamma arriverà a Lhasa, capitale del Tibet.

Geografiche: 

Questioni teoriche: 

Birmania. Dietro gli appelli alla democrazia, i conflitti imperialisti

A fine agosto, in Birmania sono esplose delle
manifestazioni in seguito all’aumento brutale e drastico dei prezzi energetici:
66% per la benzina, 100% per il diesel e più del 500% per il gas! La motivazione
ufficiale è l’aumento dei prezzi degli idrocarburi; ma nei fatti si tratta di
far pagare sempre più alla popolazione lo sprofondamento catastrofico del paese
nella crisi.

Geografiche: 

Questioni teoriche: 

Dopo l'Asia, la Russia e l'America latina, la catastrofe economica raggiunge il cuore del capitalismo

La crisi finanziaria, che si è manifestata da poco
più di un anno nel sud-est asiatico, è attualmente in via di prendere la sua
vera dimensione. Essa ha conosciuto una nuova impennata nel corso dell'estate,
con il crollo dell'economia russa e con le convulsioni senza precedenti nei
“paesi emergenti” dell'America latina. Ma sono ora le principali metropoli del
capitalismo, i paesi più sviluppati d'Europa e d'America del nord, che si
trovano in prima linea con una caduta continua dei loro indici borsistici e con
previsioni di crescita continuamente riviste al ribasso.

Geografiche: 

Questioni teoriche: 

Dichiarazione internazionalista dalla Corea contro la minaccia di guerra

Alla fine di ottobre 2006, l’Alleanza Politica Socialista (SPA) ha convocato una conferenza di organizzazioni, gruppi e militanti internazionalisti nelle città coreane del sud di Seul e di Ulsan. Per quanto modesti fossero i numeri delle persone presenti, l’SPA, per quanto ne sappiamo, è la prima espressione organizzata nell’Estremo-Oriente dei principi della Sinistra Comunista e questa conferenza era certamente la prima del genere. Come tale, essa ha un’importanza storica e la CCI le ha dato il suo pieno e convinto sostegno inviando una delegazione per parteciparvi. (1)  

 

 

Geografiche: 

Questioni teoriche: 

Catastrofi in Cina: La realtà del "miracolo economico"

In Cina esplosioni e crolli di gallerie si succedono ad un ritmo spaventoso. Nello scorso mese di agosto, nella provincia di Guangdong, 101 minatori sono rimasti bloccati in una miniera allagata da milioni di metri cubi di acqua. Nello stesso momento una esplosione in una miniera della provincia di Guizhou uccideva 14 operai. Recentemente, una nuova esplosione in una miniera a nord della Cina nella provincia di Dong fend è costata la vita, di nuovo, a 134 minatori.

Geografiche: 

Questioni teoriche: 

Cina, Giappone ... Il SUD EST ASIATICO NELLA TORMENTA DELLE TENSIONI IMPERIALISTE

Mentre i media agli ordini della borghesia danno ampia risonanza al referendum sulla Costituzione europea, come se da questo dipendesse la pace e la stabilità nel mondo, la barbarie capitalista continua drammaticamente la sua marcia avanti. In particolare l'Asia è diventata il nuovo epicentro dell'accelerazione delle tensioni inter-imperialiste.

Geografiche: 

Questioni teoriche: 

Maremoto: la vera catastrofe sociale è il capitalismo

L'anno 2004 si è concluso con un'immensa tragedia umana in Asia del sud. Un sisma di una violenza eccezionale ha provocato un maremoto nell'oceano indiano che ha devastato non meno di dodici paesi rivieraschi. In alcune ore, alcuni tsunami hanno provocato più di 160.000 morti, decine di migliaia di dispersi, centinaia di migliaia di feriti, cinque milioni di sfollati. Questo spaventoso bilancio è purtroppo provvisorio perché numerose zone, in particolare dell'Indonesia, della Tailandia o dello Sri Lanka, non sono accessibili poiché l'insieme della rete stradale è stato distrutto.

Geografiche: 

Questioni teoriche: 

Abbonamento a RSS - Asia