Medio Oriente: la crescita della barbarie militare

Dopo l'assassinio mirato da parte degli Stati Uniti del principale stratega militare iraniano Qaseem Soleimani, in molte capitali del mondo, soprattutto in Europa occidentale - che si esprimesse o meno un esplicito sostegno all'azione statunitense - si è parlato della necessità di evitare una "escalation" delle tensioni militari in Medio Oriente. Commentando la natura limitata della risposta iniziale dell'Iran - un attacco missilistico contro le basi aeree statunitensi in Iraq che sembrava aver causato pochi danni o perdite di vite umane - le stesse voci tiravano un sospiro di sollievo, sperando che l'Iran si fermasse.

Ma l'escalation degli scontri militari in Medio Oriente - e il particolare contributo degli Stati Uniti ad essa - ha radici più profonde e più ampie dell'attuale stallo tra l'Iran e il governo Trump. Già nel periodo della guerra fredda la regione, strategicamente vitale, era stata teatro di una serie di guerre per procura tra il blocco americano e quello russo, in particolare le guerre arabo-israeliane del 1967 e del 1973 e le "guerre civili" che hanno lacerato il Libano e l'Afghanistan o la guerra tra Iran e Iraq negli anni Ottanta. Con il crollo del blocco russo alla fine di quel decennio, gli Stati Uniti hanno cercato di imporsi come l'unica superpotenza del mondo, chiedendo che i loro ex partner del blocco occidentale si unissero alla prima guerra del "Nuovo Ordine Mondiale" di Bush Senior contro l'Iraq di Saddam nel 1991.

Ma questo Nuovo Ordine Mondiale si rivelò presto un'illusione. Invece di raggiungere una nuova stabilità globale - che sarebbe stata dominata dagli Stati Uniti, naturalmente - ogni nuova avventura militare americana non ha fatto altro che accelerare uno scivolamento nel caos: lo stato attuale dei due Paesi che gli USA hanno invaso all'inizio del nuovo secolo, Afghanistan e Iraq, lo dimostra ampiamente. Sotto Obama, gli Stati Uniti invertono la rotta in questi Paesi, e la necessità di "fare perno" verso l'Estremo Oriente per affrontare la crescente sfida della Cina ha ulteriormente sottolineato l'indebolimento della presa dell'imperialismo americano sul Medio Oriente. In Siria ha dovuto cedere sempre più terreno alla Russia di Putin, che ha ora stretto un'alleanza con la Turchia (membro della Nato) per disperdere le forze curde che prima detenevano la Siria settentrionale con l'appoggio degli Usa[1].

Tuttavia, se gli Stati Uniti si sono ritirati in Siria, non si sono affatto ritirati dalla regione. Hanno invece spostato la loro strategia verso l'indefettibile sostegno ai loro due alleati più affidabili della regione - Israele e Arabia Saudita. Con Trump gli USA hanno praticamente abbandonato ogni pretesa di fare da arbitro tra Israele e i palestinesi, sostenendo le mosse apertamente annessioniste di Netanyahu, senza alcuno scrupolo. Allo stesso modo, non si fanno scrupoli a sostenere il regime saudita che sta conducendo una guerra brutale nello Yemen e che uccide sfacciatamente i portavoce dell'opposizione come il giornalista Jamal Khashoggi, ucciso e smembrato nell'ambasciata saudita di Istanbul. E soprattutto hanno aumentato le pressioni contro il loro principale nemico nella regione, l'Iran.

L'Iran è una spina nel fianco degli Usa fin dalla cosiddetta Rivoluzione islamica, che ha rovesciato lo scià, fortemente favorevole agli Usa, nel 1979. Negli anni '80 hanno sostenuto la guerra di Saddam contro l'Iran per indebolire il nuovo regime. Ma il rovesciamento di Saddam nel 2003 ha aperto gran parte dell'Iraq all'influenza iraniana: il governo iracheno di Baghdad, dominato dagli sciiti, è strettamente allineato al regime di Teheran.  Questo ha aumentato notevolmente le ambizioni imperialiste dell'Iran in tutto il Medio Oriente: ha creato una sorta di Stato all'interno di uno Stato attraverso Hezbollah in Libano ed è il principale sostegno alle forze Huthi che combattono contro l'Arabia Saudita e i suoi delegati nello Yemen. E Soleimani è stato il principale architetto dell'imperialismo iraniano in queste e altre avventure.

La decisione di Trump di procedere con l'assassinio di Soleimani non si è quindi basata su un mero capriccio di questo presidente statunitense, ma fa parte di una strategia imperialista sostenuta da una parte considerevole della borghesia statunitense - anche se il perseguimento della sua logica ha certamente acuito le divisioni all'interno dell'apparato militare/politico della classe dirigente statunitense. In particolare ha fatto arrabbiare chi ha sostenuto l'approccio più conciliante di Obama nei confronti dell'Iran, incarnato dall'accordo sul programma nucleare iraniano, uno dei primi accordi diplomatici che Trump ha abbandonato quando è diventato presidente. Questo tentativo di costruire ponti con l'Iran è stato anche l'approccio delle principali potenze europee, tra cui la Gran Bretagna, che hanno nuovamente espresso i loro dubbi sulla politica di Trump dopo l'uccisione di Soleimani.

Dietro la spirale della violenza: l'impasse del capitale mondiale

Questi critici borghesi di Trump si sono lamentati dicendo di non riuscire a vedere l’obiettivo a lungo termine dietro l'assassinio di Soleimani, e che Trump non ha riflettuto a fondo. Continuano ad affermare il loro impegno a favore di soluzioni razionali, politiche e diplomatiche ai conflitti bellici e alle rivalità che si stanno diffondendo in tutto il mondo. Ma lo scivolamento del capitalismo nel militarismo non è il prodotto di Trump o di altri cattivi leader, ma dell'impasse storica del sistema capitalistico, e queste fazioni borghesi "responsabili" non dipendono dalla macchina militare meno di Trump e di altri populisti - l'uso della guerra dei droni in Medio Oriente e nelle regioni circostanti è cominciato con Obama.

L'amministrazione Trump parte dal riconoscimento che sia il vecchio ordine di disciplinate alleanze militari, che ha retto durante la Guerra Fredda, sia il progetto del Nuovo Ordine Mondiale post-1989, sono ugualmente morti e che la vera dinamica nel mondo dal 1989 è "ognuno per sé e il diavolo prende il più debole": questo è il vero significato dello slogan di Trump "America First". E questa, a sua volta, è l'espressione, a livello di relazioni internazionali, della decomposizione di fondo della stessa società capitalista - della fase finale del declino del capitalismo come modo di produzione, che è stato chiaramente segnalato per la prima volta dallo scoppio della prima guerra mondiale.  In questo contesto, gli Stati Uniti non sono più il gendarme del mondo, ma il fattore principale dello scivolamento nel caos. Trump è solo la personificazione di questa tendenza spietata. Ecco perché “l’obiettivo a lungo termine" che si gioca dietro l'uccisione di Soleimani, indipendentemente dalle fantasie soggettive di Trump o dei suoi accoliti e sostenitori, può avere un solo risultato: l'escalation della barbarie militare, che si svolga o meno a breve o a lungo termine. E, come l'incubo in Siria dimostra chiaramente, la prima vittima di questa escalation sarà la massa della popolazione, il "danno collaterale" del militarismo. In questo senso, intenzionale o meno, l'abbattimento dell'aereo di linea ucraino su Teheran lo stesso giorno dell'attacco missilistico iraniano contro le basi aeree statunitensi dimostra il vero costo umano di questi scontri militari.

Il regime iraniano e l'ala sinistra della capitale

L'ala sinistra dell’apparato politico capitalista - i Democratici e i "Socialisti Democratici" negli Stati Uniti, i Corbinisti in Gran Bretagna, i Trotzkisti ovunque - hanno una loro idea quando accusano Trump o l'imperialismo statunitense di aver scatenato tensioni in Medio Oriente: che l'America o le potenze occidentali sono gli unici imperialisti, e che sono osteggiati da paesi non imperialisti o addirittura antimperialisti come la Russia, la Cina - o l'Iran. Questa è una menzogna: in quest'epoca tutti i paesi sono imperialisti, dagli Stati più grandi e influenti alle potenze più piccole e meno globali. L'Iran, non meno di Israele, ha le sue proprie pulsioni imperialiste, espresse nei suoi tentativi di usare forze vicine per diventare la potenza leader in Medio Oriente. E dietro di esse si annidano i più grandi Stati imperialisti di Russia e Cina. Al contrario, gli sfruttati dal capitale, qualunque sia lo Stato nazione che presiede al loro sfruttamento, non hanno alcun interesse a identificarsi con le avventure imperialiste della propria classe dirigente.

La sinistra, pur chiedendo la difesa delle nazioni e degli Stati nazionali cosiddetti "oppressi", pretende di stare dalla parte degli sfruttati e degli oppressi in questi Paesi, dove il lungo regno dell'economia di guerra insieme all'impatto della crisi economica mondiale - a cui si aggiunge il peso delle sanzioni statunitensi in un Paese come l'Iran[2] - ha certamente portato a un massiccio accumulo di malcontento sociale e di opposizione ai regimi esistenti in tutto il Medio Oriente. Lo hanno dimostrato le rivolte popolari in Paesi come il Libano, l'Iraq e l'Iran degli ultimi due anni.  Ma se da un lato i sinistrorsi sostengono questi movimenti, dall'altro, essi minano la possibilità che in questi paesi emerga un movimento di classe indipendente, perché si rifiutano di criticare le debolezze di queste rivolte in cui si fondono interessi di classe diversi. Infatti, con il suo sostegno al "nazionalismo degli oppressi", la sinistra non può che rafforzare ulteriormente la tendenza di queste rivolte ad assumere una direzione nazionalista (come nel caso degli slogan anti-iraniani sollevati nelle proteste in Iraq, o dello sventolio della bandiera libanese come falsa soluzione alle divisioni settarie in Libano). E ora che i regimi in Iran e in Iraq, per il momento, stanno cercando di deviare il malcontento nei confronti del regime verso una campagna isterica di unità nazionale antiamericana, la sinistra, facendo eco agli slogan anti-americani, si rivela un’alleata dello sforzo bellico degli ayatollah. Ed è una delle ironie della situazione che l'assassinio statunitense di Soleimani permetta al regime di Teheran di utilizzare queste campagne per rafforzare la sua credibilità come difensore degli "interessi nazionali" iraniani.

Eppure, nonostante le immagini ben pubblicizzate di centinaia di migliaia di persone nelle strade che piangono per Soleimani, dubitiamo che gli sfruttati e gli oppressi dell'Iran e dell'Iraq siano stati interamente implicati: in fondo si tratta di quello stesso Soleimani le cui forze speciali sono state in prima linea nella repressione spietata delle proteste contro il regime, che ha lasciato centinaia di cadaveri nelle strade. Le manifestazioni rabbiose antigovernative scoppiate in Iran subito dopo che le autorità hanno ammesso di aver abbattuto l'aereo di linea ucraino dimostrano che la "Sacra Unione" promossa dal regime dopo l'uccisione di Soleimani non ha una vera solidità.

La classe operaia iraniana ha intrapreso negli ultimi due anni lotte coraggiose, rivelando ancora una volta di avere il potenziale - come abbiamo visto in certi momenti del 1978-79 - di fornire una leadership alla massa della popolazione, di integrare il suo malcontento in un movimento autenticamente proletario.

Ma perché ciò avvenga, i lavoratori dell'Iran, dell'Iraq e di altri Paesi in prima linea nel conflitto imperialista dovranno sviluppare la capacità di evitare tutte le trappole poste sul loro cammino, sia sotto forma di nazionalismo che di illusioni nella superiorità della "democrazia occidentale". E non potranno fare questo vitale passo avanti senza la solidarietà attiva della classe operaia internazionale, soprattutto nei Paesi centrali del sistema. Le attuali lotte della classe operaia in Francia indicano che questa non è una speranza disperata.

Contro l'escalation della barbarie militare, l'unica via d'uscita per l'umanità è l'escalation della lotta di classe internazionale contro il capitale, le sue rivalità nazionali, la sua repressione e le sue guerre.

Amos, 12.1.2020

 

[1] Il "cambio di casacca" della Turchia di Erdogan funziona comunque in tutti e due i sensi, come la maggior parte delle alleanze in questo periodo: in Medio Oriente, si è schierata verso la Russia contro gli Stati Uniti, ma in Libia, ha inviato truppe a sostegno del governo di accordo nazionale riconosciuto dall'ONU, contro le forze sotto Khalifa Haftar, che sono sostenute dalla Russia...

[2] Ricordiamo anche che lo stesso Trump che ipocritamente dichiara il suo sostegno alle proteste della popolazione iraniana contro la povertà e la disoccupazione minaccia ora di rendere ancora più disperate le loro condizioni di vita infliggendo all'Iran sanzioni economiche ancora più penalizzanti. Non meno ipocrita è la pretesa di Trump di sostenere le proteste che hanno fatto seguito all'abbattimento della compagnia aerea, un tentativo di strumentalizzare l'errore dell'Iran e di diffondere illusioni sugli scrupoli morali delle potenze occidentali

Geografiche: 

Questioni teoriche: 

Rubric: