L'emancipazione delle donne è possibile solo in una società comunista

Printer-friendly version

Introduzione CCI

Pubblichiamo qui un articolo del gruppo Internationalist Voice, che si oppone con forza ai tentativi della borghesia internazionale di indirizzare la crescente rabbia della popolazione iraniana verso l'illusione di una "emancipazione delle donne" all'interno dei confini della società capitalista. L'articolo è stato scritto prima della fine della breve esperienza di governo di Liz Truss, ma il punto è ancora valido: l'oppressione delle donne non finirà con un cambio di governo o di regime politico, o con l'inserimento di donne in posizioni di potere, ma solo attraverso il rovesciamento rivoluzionario del capitalismo.

**********

Con l'inizio delle proteste di piazza contro la borghesia islamica criminale, accompagnate da un movimento contro la sua sovrastruttura ideologica, le tendenze borghesi di destra e di sinistra stanno lottando per ridurre le manifestazioni al livello di quelle riguardanti l'hijab obbligatorio e le libertà civili, dalla campagna dei Mercoledì Bianchi alla rivoluzione delle donne[1]. Togliere il velo è considerato un simbolo della liberazione delle donne, come se le donne in Turchia, Bangladesh, Filippine, America, ecc., non siano vincolate dalle catene del capitalismo e siano "libere". Le operaie del Bangladesh non devono indossare il velo, ma devono lavorare dalle 10 alle 14 ore al giorno nel XXI secolo. Il nuovo primo ministro britannico, Liz Truss, vuole seguire le orme della Lady di Ferro, Margaret Thatcher, e ha sguainato la spada per distruggere i lavoratori attraverso politiche antioperaie. Questo è particolarmente importante perché la classe operaia britannica ha iniziato a lottare. La neofascista Giorgia Meloni sarà il primo ministro donna nella storia dell'Italia. La signora Meloni ha dichiarato che si opporrà ai rifugiati africani e chiuderà i porti italiani ai barconi dei rifugiati. Questa donna civilizzata non ha mai nascosto la sua opposizione all'aborto e all'omosessualità e attuerà politiche antioperaie nella stessa misura della signora Truss. Queste donne civilizzate non hanno mai dovuto indossare il velo e sono state "libere" per tutta la vita di schierarsi contro la classe operaia in piena libertà e di presentare la dittatura del capitalismo alla classe operaia e alle altre persone sotto la veste di democrazia e civiltà. Contrariamente ai demagoghi delle tendenze di destra e di sinistra del capitalismo, il mondo della donna lavoratrice è estraneo a quello borghese. La vita della donna lavoratrice comporta un doppio sfruttamento e oppressione, così come umiliazione, inferiorità, rabbia repressa e lacrime soffocate - in sostanza, l'inferno terrestre e reale che il capitalismo offre all'umanità. La radice dell'oppressione delle donne è il sistema di classe e i rapporti di produzione capitalistici. Solo con la scomparsa delle sue basi materiali, cioè i rapporti di produzione capitalistici e la schiavitù salariale, scompariranno anche le fondamenta del dominio economico di questo tipo di oppressione. L'oppressione delle donne non può essere eliminata solo cambiando i governi borghesi. Per la vera liberazione delle donne, il brutale sistema capitalista deve essere rovesciato. Solo la lotta congiunta delle donne lavoratrici e degli uomini lavoratori come un unico corpo, come una sola classe e nel coinvolgimento nelle battaglie di classe può creare una vita umana dignitosa, non solo per le donne della classe operaia, ma per l'umanità. L'unico orizzonte futuro per la vera liberazione delle donne dall'oppressione sessuale è la lotta della classe operaia, e la vera emancipazione delle donne è possibile solo in una società comunista senza classi. Firoz Akbary, 1 ottobre 2012

E-mail: [email protected]

Homepage: www.internationalistvoice.or

 

[1] Dopo essere emigrato in America, un giornalista che era un sostenitore dell'ex presidente Khatami ha lanciato la campagna White Wednesdays con il sostegno delle istituzioni borghesi occidentali. In questa campagna, donne e ragazze si sono tolte individualmente il velo e hanno inviato i video al giornalista per essere mostrati alla TV satellitare. Anche alcuni esponenti della sinistra del capitale ritengono che le donne siano la forza materiale della futura rivoluzione, per cui parlano di rivoluzione femminile. Gli obiettivi delle tendenze di destra e di sinistra del capitale sono gli stessi: incanalare la rabbia nascosta delle donne in linea con le proteste anti-regime e pro-democrazia.

Rubric: 

Internationalist Voice sulle proteste in Iran