COVID 19: Un’ulteriore prova che il capitalismo è diventato un pericolo per l'umanità

Nota redazionale: questo articolo è stato scritto, in inglese, all’inizio del diffondersi dell’epidemia, prima che l’Italia diventasse il secondo paese per rischio contagi. Ma tutto quello che si dice nell’articolo, in particolare sul legame tra lo sviluppo capitalistico oggi e il diffondersi delle epidemie, sulla scarsa o nulla importanza che questo sistema dà alla vita e alla salute delle persone, sul cinismo della borghesia nell’affrontare il problema, restano pienamente valide anche per l’Italia.

L'emergere di questo nuovo virus e la reazione della borghesia dimostrano come lo sviluppo delle forze produttive si scontri con la morte e la distruzione causata dal capitalismo. Così, la Cina, diventata la seconda potenza economica mondiale, è stata messa al tappeto da un'epidemia virale, e mentre la scienza medica avanza, il capitalismo non può proteggere la sua popolazione dalle malattie, così come non può proteggere la sua popolazione dalle crisi economiche, dalla guerra o dall'inquinamento.

Il Covid-19 è una delle nuove malattie infettive che sono emerse, soprattutto negli ultimi 50 anni, tra cui HIV (AIDS), Ebola, SARS, MERS, febbre di Lassa, Zika. Come molte altre nuove malattie, Covid-19 è un'infezione da virus animale che ha fatto un salto di specie infettando gli esseri umani e diffondendosi, a causa delle mutate condizioni causate dal capitalismo in questo periodo. Abbiamo catene di approvvigionamento e una urbanizzazione sempre più globali; per la prima volta nella storia la maggior parte della popolazione mondiale vive in città, spesso con affollamento e infrastrutture igieniche inadeguate. Per esempio in Cina ci sono molti lavoratori non solo concentrati nelle città ma anche nei dormitori delle fabbriche affollatissime, ad esempio i lavoratori della Foxconn vivono in 8 in una stanza. Accanto a questo c'è l'uso di carne di animali selvatici, e a Wuhan si pensa che la fonte della nuova infezione sia stata un mercato illegale di animali selvatici. Inoltre la distruzione dell'ambiente naturale e gli effetti del cambiamento climatico stanno portando sempre più animali nelle città in cerca di cibo. Le città affollate sono un potenziale terreno fertile per le epidemie, come dimostra Wuhan, e l'aumento dei collegamenti internazionali è un mezzo per trasmetterle all'estero.

Queste condizioni sono il risultato della spinta del sistema capitalistico decadente a sconvolgere e inquinare ogni angolo del pianeta per far fronte alla sua crisi di sovrapproduzione. L'impatto distruttivo di questa espansione globale è stato chiaramente dimostrato dalla prima guerra mondiale, che ha segnato l'inizio di questa epoca di declino.  Alla fine della guerra arrivò la mortale pandemia di influenza spagnola che si stima abbia infettato circa un terzo della popolazione mondiale e ucciso oltre 50 milioni di persone in tre fasi. Il tasso di mortalità era legato alle condizioni della guerra imperialista, tra cui la fame e la malnutrizione, la scarsa igiene e lo spostamento dalle trincee dei soldati malati, tutti elementi che resero questo virus particolarmente letale.

Nel periodo più recente si può notare che l'HIV ha ucciso 32 milioni di persone, soprattutto in Africa, ed è diventato endemico. Nonostante i progressi della medicina che hanno trasformato l'HIV da killer a malattia cronica, l'AIDS ne ha uccisi 770.000 nel 2018 per mancanza di accesso alle cure. Molte altre malattie che la scienza medica può prevenire continuano a causare malattie e morte. Abbiamo sentito parlare dei casi di morbillo negli Stati Uniti, forse a Samoa, e dell'importanza dell'immunizzazione per prevenire la sua trasmissione. Ma i media tacciono sui quasi 300.000 casi di morbillo nella Repubblica Democratica del Congo, con la morte di quasi 6.000 bambini, dove le pietose strutture sanitarie stanno cercando di affrontare anche l'Ebola. Queste morti non sono di grande interesse per la classe dirigente perché, a differenza della pandemia di influenza suina del 2009 o dell'attuale epidemia di Covid-19, non minacciano la sua produzione e i suoi profitti nella stessa misura. Ma il capitalismo è responsabile delle condizioni che danno origine a queste epidemie: in questo caso, un paese instabile, frutto della spartizione dell'Africa da parte delle potenze imperialiste, costantemente devastato dalla lotta per le sue risorse naturali (oro, diamanti, petrolio e cobalto) che ha mietuto milioni di vittime. Il 50% delle esportazioni della RDC va in Cina. È un esempio particolarmente evidente di ciò che intendiamo per decomposizione del capitalismo, il periodo in cui la classe dirigente non ha il controllo sufficiente per portare avanti la sua risposta alla crisi, una nuova guerra mondiale, perché la classe operaia non è sconfitta, ma allo stesso modo la classe operaia non ha la forza di portare la sua lotta a un livello che possa minacciare il capitalismo. Essa è stata annunciata dal crollo del blocco imperialista russo, ed è caratterizzata, tra l'altro, da guerre caotiche e localizzate[1].

La persistenza della polio è anche direttamente correlata alla decomposizione, in quanto gli scontri o il fondamentalismo impediscono l'immunizzazione, con gli operatori sanitari assassinati dai jihadisti, ad esempio in Pakistan. Qualsiasi pubblicità su questo argomento è totalmente ipocrita. Le grandi potenze che lo condannano sono perfettamente disposte a ricorrere a combattenti irregolari e terroristi - come l'Occidente, che ha usato i Mujahadin in Afghanistan contro i russi negli anni '80 e da allora in molti altri conflitti. In realtà l'ascesa del terrorismo è una caratteristica del conflitto imperialista nel periodo della decomposizione.

Nel frattempo, invece di spendere per la salute o l'istruzione, nel 2019 la spesa per la difesa globale è aumentata del 4% rispetto al 2018. Per gli Stati Uniti e la Cina è aumentata di oltre il 6% e per la Germania di oltre il 9%. Per dare un'idea delle agghiaccianti priorità della borghesia, mentre il budget del CDC (Centro per il controllo delle malattie) negli Stati Uniti è stato tagliato da 10,8 miliardi di dollari nel 2010 a 6,6 miliardi di dollari nel 2020, gli Stati Uniti hanno appena superato un budget per il riarmo di 738 miliardi di dollari. Il budget annuale per la difesa della Cina è stimato a 250 miliardi di dollari. L'Organizzazione Mondiale della Sanità aveva un budget di soli 5,1 miliardi di dollari nel 2016-2017.

Menzogne e irrazionalità

Attualmente ci sono molte malattie che causano più morti di Covid-19, eppure la borghesia prende questa minaccia sul serio, come fa per ogni nuova malattia che può diventare una pandemia e quindi può causare un aumento delle minacce alla sua produttività e ai suoi profitti, per esempio attraverso maggiori assenze dei lavoratori per malattia – come si vede con questo nuovo virus in Cina- oppure per le minacce alla salute umana e alla vita. Ci sono molti aspetti della malattia che possono contribuire al suo potenziale pandemico - l'infettività, la natura della malattia. È anche significativo che sia insorta in una grande città di 11 milioni di abitanti in un paese che è ben collegato a livello internazionale per il commercio e il turismo, e questo rende più difficile contenere la diffusione del virus. Più difficile da contenere che se fosse sorto, come l'Ebola, in Africa, dove ci sono molte meno opportunità di viaggiare all'estero, o se fosse sorto nel 2003, come l'epidemia di SARS, quando l'economia e le connessioni della Cina erano minori.

Gran parte della risposta iniziale a questo nuovo virus da parte dello Stato cinese è stata criminalmente negligente e senza scrupoli. Mentre il 26 dicembre avevano già ottenuto dati genetici preliminari che indicavano un virus simile alla SARS, le autorità cinesi hanno perseguitato il dottor Li Wenliang che avrebbe voluto avvertire del pericolo il 30 dicembre. Allo stesso tempo, mettevano in guardia l'OMS sul virus. Ciononostante le autorità di Wuhan hanno continuato a soffocare le informazioni sull'epidemia, organizzando un enorme pasto comune e un ballo del Capodanno lunare il 18 e 19 gennaio, fingendo che non passasse di persona in persona, prima di chiudere la città il 23 gennaio, quando 5 milioni di persone, quasi la metà della popolazione, erano già partite per le vacanze di Capodanno.

Tutto ciò ha suscitato un'enorme rabbia nella popolazione, infuriata per il fatto che il governo nascondesse la malattia al pubblico e avesse fatto firmare a un medico una falsa confessione per aver "sparso voci" mettendo in guardia le autorità. Questo ha dato vita a una campagna democratica per la libertà di parola in Cina. I media e i politici dei paesi occidentali hanno fatto eco a questa campagna con prediche sui benefici della democrazia e della libertà di parola. Tuttavia, non dovremmo pensare nemmeno per un momento che la nostra classe dirigente abbia maggiori scrupoli morali nel mentire e nel nascondere le informazioni quando gli fa comodo, anche se ciò mette a rischio la vita umana. Le aziende farmaceutiche sopprimono le sperimentazioni cliniche che mettono a rischio i loro profitti, il che significa, per esempio, non avvertire che alcuni antidepressivi hanno aumentato il rischio di suicidio per adolescenti e giovani adulti (vedi Bad Pharma di Ben Goldacre, un intero libro su tale disonestà). E i governi statunitense e britannico hanno vergognosamente mentito sulle armi di distruzione di massa in mano a Saddam per giustificare l'invasione dell'Iraq del 2003.

Lo Stato cinese si è, a sangue freddo, preoccupato di mantenere la sua autorità al di sopra della preoccupazione per la salute e la vita della popolazione, per coprire l'inizio di un'epidemia quando sarebbe stata necessaria un'azione tempestiva per ridurre e rallentare la diffusione del virus. Questo dimostra la brutalità del regime che tiene poco conto della vita umana, ma anche la sua irrazionalità, poiché un'azione tempestiva in risposta all'epidemia non solo avrebbe salvato vite umane, ma avrebbe anche salvato gran parte delle perdite che possiamo aspettarci per l'economia e gran parte dei danni al prestigio della Cina come potenza in crescita nel mondo con la sua ambiziosa iniziativa della nuova Via della Seta.  Questa irrazionalità del regime cinese nella sua risposta all'epidemia è legata alla sua paranoia per qualsiasi perdita di potere o di controllo, una paranoia che si manifesta nei suoi grandi campi di lavoro e di "rieducazione" per gli Uiguri e altri, nella sua passione per la tecnologia di riconoscimento facciale e nel suo sistema di credito sociale per mantenere la popolazione sulla “giusta via”. Per preservare la sua autorità osa negare la realtà dei fatti stessi.

Misure repressive di quarantena

Mettere in quarantena una città di 11 milioni di abitanti chiudendo tutti i collegamenti di trasporto e creando blocchi stradali è una novità assoluta. E farlo dopo che metà della popolazione ha avuto il permesso di andarsene peggiora la situazione. Costruire due nuovi ospedali per ospitare 2.600 pazienti in più in 10 giorni è una propaganda impressionante, e anche un'impresa impressionante di ingegneria prefabbricata (anche se alla fine i lavori non sono stati ultimati nei tempi previsti). Ma non ha fornito le attrezzature o i medici e gli infermieri necessari – ricorrendo anche a medici dell'esercito o ai volontari di altre regioni. Gli ospedali di Wuhan sono stati sopraffatti, così come i centri di quarantena dotati di 10.000 posti letto. Le persone malate di coronavirus non possono entrare nei centri di quarantena, figuriamoci negli ospedali. I pazienti con altre patologie, tra cui il cancro, non possono ricevere cure ospedaliere per mancanza di posti letto. I pazienti malati e morenti nelle stazioni di quarantena non hanno assistenza infermieristica. Nei centri di quarantena ci sono centinaia di persone ammassate nei letti o sui materassi per terra con piccole maschere di carta di dubbia utilità, con servizi igienici e impianti di lavaggio inadeguati, talvolta con toilette portatili e docce all'esterno. È chiaro che chiunque entri in una stazione di quarantena senza Covid-19 lo prenderà presto. I sospetti portatori del virus sono stati portati con la forza nelle stazioni di quarantena - un ragazzo disabile è morto di fame dopo che i parenti su cui contava sono stati presi. Si tratta più di una misura di polizia che di una misura sanitaria.

Ammassare le persone nei centri di quarantena, che possono diventare solo centri per la trasmissione del virus, ricorda gli ospedali per i poveri esistenti fino al XIX secolo in Europa, che erano anche fonti di infezione (ad esempio l'aumento della mortalità materna per la febbre puerperale dal XVII al XIX secolo, prima che si comprendesse la necessità dell’igiene).

Mancano le attrezzature, compresi gli indumenti protettivi per il personale ospedaliero; medici e infermieri lavorano con orari di lavoro estremamente lunghi, il che li rende più vulnerabili alle malattie. 1700 di loro sono stati infettati e 6 sono morti.

Monitoraggio impreciso della malattia

In queste circostanze è chiaro che ci saranno molti pazienti che moriranno e che si sarebbero potuti salvare con un'adeguata assistenza medica. Covid-19 sembra avere più del doppio della mortalità a Wuhan che altrove per questo motivo. Tuttavia, indipendentemente dal fatto che le autorità cinesi continuino o meno a mentire sui numeri di contagiati, le cifre sono sospette perché non tutti i casi possono essere confermati. Da qui un picco nel numero di casi segnalati a Wuhan l'11 febbraio, quando sono stati inclusi quelli diagnosticati clinicamente - senza test - portando il totale dei casi registrati a oltre 60.000.

Non è solo in Cina che le cifre relative alle malattie sono probabilmente imprecise. A differenza di Singapore, un Paese ricco con numerose connessioni che si prepara a un'epidemia dalla SARS del 2003, molti altri Paesi più poveri non sono preparati. "Qualsiasi Paese che ha viaggi significativi avanti e indietro con la Cina e non ha trovato casi dovrebbe essere preoccupato" dice un professore di epidemiologia di Harward[2]. L'Indonesia, per esempio, ha evacuato 238 cittadini da Wuhan e li ha messi in quarantena per due settimane, ma non li ha sottoposti a test per la malattia perché troppo costosa. E per quanto riguarda il commercio africano della Cina e i clienti della Nuova Via della Seta? Ci saranno molti posti senza le infrastrutture sanitarie per diagnosticare e curare i pazienti con il virus.

Quello che è impressionante è che il nuovo virus è stato sequenziato entro il 12 gennaio. In seguito a ciò, la Coalizione per l’Innovazione in materia di Preparazione per le Epidemie (CEPI in inglese), istituita nel 2017 dopo l'epidemia di Ebola in Africa occidentale, ha lavorato per un vaccino, nella speranza che possa essere pronto se il Covid-19 si diffonde, e in particolare se diventa una malattia stagionale come l'influenza. Infatti, mentre scriviamo questo articolo, il lavoro sul vaccino è in corso, utilizzando un nuovo metodo basato sul sequenziamento dei geni, che è più sicuro che lavorare con un virus mortale, e ha già accelerato la produzione di vaccini per Zika, Ebola, SARS e MERS. Naturalmente, prima di poterlo utilizzare, saranno necessari test di sicurezza ed efficacia, e questo richiederà del tempo.

Tuttavia, questo sorprendente potenziale per le forze produttive non pone fine della storia. Mancano le fabbriche per produrre vaccino sufficiente, e poiché con il rischio di una pandemia i governi non esporteranno il vaccino fino a quando non avranno accumulato abbastanza scorte per il loro uso personale "invocando la difesa o la sicurezza nazionale"[3] il CEPI deve pianificare la sua produzione in diversi siti.

Effetti sull'economia

L'economia della Cina si è fermata perché è andata in isolamento per contenere il nuovo virus. Per reagire sta pompando denaro nell'economia, l'autorità di regolamentazione bancaria sta allentando le regole sui crediti inesigibili. Tuttavia, la Cina è ora responsabile del 16% del PIL globale, 4 volte superiore a quello del 2003 al momento dell'epidemia di SARS che ha tagliato l'1% del suo PIL per l'anno. La sua economia è molto più integrata nelle catene di fornitura globali rispetto a 17 anni fa. Questo ha già costretto la Hyundai a chiudere stabilimenti automobilistici in Corea del Sud, la Nissan a chiuderne uno in Giappone e la Fiat-Chrysler ad avvertire che potrebbe chiudere alcune produzioni europee. La produzione di smartphone potrebbe scendere fino al 10% quest'anno. Il tessile (la Cina produce il 40% delle esportazioni mondiali), l'arredamento e i prodotti farmaceutici potrebbero essere colpiti. Così come il turismo. E la Cina ora rappresenta quasi il 20% delle importazioni minerarie globali, e sta cercando di annullare le consegne di petrolio, gas e carbone di cui non ha bisogno. Le azioni delle imprese statunitensi con un'elevata esposizione alle vendite cinesi sono deprezzate del 5%. Con la sua guerra commerciale con gli Stati Uniti non risolta, questo è un cattivo tempo - per la Cina e per l'economia globale.

A lungo termine questo potrebbe far sembrare la Cina un partner commerciale meno affidabile per le multinazionali e su cui investire. Di certo la fa sembrare meno un partner commerciale potente e un sostenitore imperialista per i suoi clienti sulla Nuova Via della Seta. Dipenderà dalla rapidità con cui riuscirà a riportare l'economia alla normalità.

Qualunque cosa accada con questo nuovo virus Covid-19, sia che diventi una nuova pandemia, o che si estingua come la SARS, o che si stabilisca come un nuovo virus respiratorio stagionale, questa nuova malattia è l'ennesimo avvertimento che il capitalismo è diventato un pericolo per l'umanità, e per la vita su questo pianeta. L'enorme capacità delle forze produttive, compresa la scienza medica, di proteggerci dalle malattie, si scontra con la ricerca assassina del profitto, l'ammassamento di una parte sempre più grande della popolazione in grandi città, con tutti i rischi di nuove epidemie. Il rischio del capitalismo non finisce qui, ci sono anche i rischi di inquinamento, di distruzione ecologica e di guerre imperialiste sempre più caotiche.

Alex, 15.2.20

 

[2] The Economist, 15 febbraio 2020

[3] The Economist, 8 febbraio 2020

Rubric: