Lotta proletaria

Comunicato di Solidarietà dall’Assemblea dei Lavoratori della Sanità e dei Servizi Sociali di Alicante

Pubblichiamo qui di seguito il Comunicato dell’Assemblea dei Lavoratori della Sanità e dei Servizi Sociali di Alicantein solidarietà con due diversi collettivi di lavoratori in lotta.

Lotta degli insegnanti di New York: i lavoratori hanno bisogno di rendere reale la solidarietà

Un recente avvenimento fra gli insegnanti della High School della città di New York dimostra chiaramente che i lavoratori negli Stati Uniti stanno facendo i primi tentativi nel mettere da parte le divisioni imposte dal capitalismo, in questo caso quelle che mettono i lavoratori ‘anziani’  contro i più giovani, assunti da poco. In questo senso, i lavoratori di New York City fanno completamente parte della rinascita della combattività di classe e della solidarietà cui abbiamo assistito negli ultimi tre o quattro anni in tutto il mondo. Mentre i nostri fratelli e sorelle di classe nel mondo riapprendono che uno degli strumenti più importanti per la classe lavoratrice nell’organizzare le sue lotte è la diffusione della solidarietà tra i suoi ranghi, così anche i lavoratori negli Stati Uniti iniziano a cimentarsi con la solidarietà e l'unità nella lotta.

Dimostrazioni di massa in Iran: “Carri armati, pallottole, poliziotti, nulla ci può fermare!”

Al Jazeera ha affermato con forza che le proteste in Iran costituiscono la “più grande agitazione dalla rivoluzione del 1979”. Le proteste sono cominciate a Teheran sabato 13 giugno e, man mano che i risultati elettorali venivano resi noti, le proteste diventavano sempre più violente.

Movimento degli studenti a Barcellona: un’espressione di solidarietà operaia

Pubblichiamo questo articolo scritto dalla nostra sezione in Spagna nel marzo scorso nel pieno del movimento degli studenti in questo paese perché mostra come la dinamica aperta dal movimento contro il CPE in Francia nel 2006 e proseguita in Italia, in Grecia ed altrove negli anni scorsi, abbia continuato ad esprimersi mostrando anche in Spagna quelle caratteristiche che fanno di queste lotte dei momenti della più generale ripresa della lotta di classe a livello internazionale.

Presentazione

Il volantino che pubblichiamo qui di seguito è stato progettato, scritto e diffuso il primo maggio scorso da un “un gruppo di lavoratori, studenti, precari, disoccupati, cassintegrati … che il 25 aprile hanno scelto di stare insieme per conoscersi e confrontarsi” e ancora adesso questo volantino sta circolando di mano in mano e attraverso scambi tra diverse e-mail.

Volantino di un gruppo di lavoratori, studenti, precari, disoccupati, cassintegrati … LAVORATORI DI TUTTO IL MONDO, PENSATE(CI)!

Da tutte le parti, oramai, ci sentiamo raccontare che siamo in piena crisi, che è una crisi mondiale e che saranno necessari sempre più tagli a tutti i livelli e che la situazione però si risanerà in qualche anno con interventi finanziari degli Stati e con sacrifici per tutti.

 

Per sviluppare le nostre lotte rompiamo la morsa sindacale!

Lottare, sì, ma come? Ognuno di noi si pone questa domanda di fronte alla moltiplicazione degli attacchi contro le nostre condizioni di vita. Cosa fare per battersi senza scontrarsi continuamente agli stessi vicoli ciechi e senza avere alla fine l’amaro della sconfitta e lo scoraggiamento in bocca?

Guadalupe, Martinica, La Réunion: perché la borghesia ha fatto marcia indietro?

Di fronte ai movimenti di sciopero che hanno scosso il Guadalupe, la Martinica e, in misura minore, La Réunion, lo Stato francese ha dovuto alla fine retrocedere cedendo a quasi tutte le rivendicazioni operaie.

Volantino di Internasyonalismo (sezione della CCI nelle Filippine) Resistiamo agli attacchi capitalisti! Estendiamo la lotta!

Quello che sta accadendo ai lavoratori di Giardini del Sole succede anche in molte fabbriche, non solo a Cebu, non solo nelle Filippine, ma in tutto il mondo. Nei fatti i nostri fratelli e le nostre sorelle dell’America sono i primi a soffrire degli attacchi del capitalismo – restrizioni, lavoro in 3x8, cassa integrazione, riduzione di salario e delle indennità.

Grecia: le rivolte giovanili confermano lo sviluppo della lotta di classe

A fine 2008, parecchi paesi europei sono stati toccati simultaneamente da movimenti di massa della gioventù studentesca (liceali ed universitari). In Grecia, le assemblee generali degli studenti hanno evocato anche un nuovo "Maggio 68". In realtà, a mobilitarsi contro gli attacchi del governo e contro la repressione dello Stato poliziesco non sono stati solo i giovani, ma anche parecchi settori della classe operaia in solidarietà con le giovani generazioni. L'aggravamento della crisi economica

LE RIVENDICAZIONI ECONOMICHE E LA LOTTA DI CLASSE (da Internationalisme n°19, marzo 1947)

Uno dei problemi che 1’avanguardia rivoluzionaria non ha mai studiato con serietà, preferendo sempre ripetere le acquisizioni semplici e troppo vaghe di un’epoca ormai conclusa, è proprio quello delle rivendicazioni economiche.

G.B. Scioperi nelle raffinerie di petrolio e nelle centrali elettriche: gli operai cominciano a fare i conti con il nazionalismo

L’ondata di scioperi spontanei scaturita dalla lotta degli operai delle costruzioni e della manutenzione alla raffineria del gruppo Total di Lindsey è stata una delle più importanti lotte operaie in Gran Bretagna degli ultimi 20 anni.

Migliaia di operai delle costruzioni di altre raffinerie e delle centrali elettriche sono scesi in sciopero per solidarietà. Sono state organizzate regolarmente riunioni di massa. Disoccupati dei settori delle costruzioni, dell’acciaio, dei cantieri navali ed altri lavoratori hanno raggiunto i picchetti e le manifestazioni fuori diverse centrali elettriche e raffinerie. Gli operai non erano per niente preoccupati per il carattere non legale della loro azione ed hanno espresso solidarietà con i compagni in sciopero, rabbia per la marea di disoccupazione in aumento e per l’incapacità del governo di fare qualunque cosa. Quando 200 operai polacchi delle costruzioni si sono uniti alla lotta, questa ha raggiunto il suo momento più elevato ponendo una sfida diretta al nazionalismo che ha pesato all’inizio sul movimento.

Germania 1918 - 1919 (II). La Socialdemocrazia tende una trappola mortale alla rivoluzione

Il primo articolo di questa serie (Rivoluzione Internazionale n.158) ha riguardato l’inizio della rivoluzione in Germania nel novembre 1918. In questa seconda parte ci soffermeremo sul modo in cui la classe dominante ha utilizzato le sue armi più potenti per infliggere una forte sconfitta al movimento rivoluzionario: non solo la repressione armata, ma anche le campagne ideologiche del partito operaio di una volta, il SPD.

Occupazione di una fabbrica a Chicago. Nessuna tregua per Obama

Nel dicembre scorso i dipendenti dell’impresa “Republic Window and Door” di Chicago, nell’Illinois, hanno occupato la fabbrica per sei giorni. Questo episodio ha costituito uno dei momenti più significativi della lotta della classe operaia americana degli ultimi anni. Neanche l’euforia dell’elezione di Obama con le sue promesse di “cambiamento” ha potuto evitare che la collera operaia si trasformasse in una lotta di resistenza contro l’aggravamento della crisi economica e contro gli attacchi alle loro condizioni di vita.

Lotta all’AFEMA di Alicante (Spagna). Un’esperienza da riprendere

Riproduciamo qui di seguito alcuni dei documenti usciti da questa lotta e votati dall’Assemblea Generale (AG) dei lavoratori dell’AFEMA (Asociación de Familiares y Enfermos Mentales), una ONG di familiari e malati mentali di Alicante.

Grecia, Germania, Francia, Italia, Spagna … Le rivolte dei giovani confermano lo sviluppo della lotta di classe

PRESENTAZIONE ALLE RIUNIONI PUBBLICHE DELLA CCI

Quello che segue è il testo che è servito da canovaccio per le presentazioni che la nostra organizzazione ha fatto nei vari paesi in cui interviene sull'emergere della gioventù - studentesca e non - su un piano di lotta autenticamente proletario.

Alla fine del 2008 diversi paesi europei sono stati toccati simultaneamente da movimenti di massa di studenti (universitari e liceali).

Scioperi nelle raffinerie di petrolio e nelle centrali elettriche inglesi: la lotta di classe deve unire tutti i lavoratori!

Gli scioperi e le dimostrazioni degli operai delle raffinerie di petrolio e delle centrali elettriche in risposta alla disoccupazione mostrano la profondità della rabbia nella classe operaia che deve far fronte all’ondata di esuberi provocati dalla crisi economica.

Questa ondata di licenziamenti e di lavori precari non è limitata alla Gran Bretagna ma sta travolgendo il mondo intero. Dagli Stati Uniti alla Cina, dall’Europa occidentale alla Russia, nessun lavoro salariato è sicuro; ed anche quando c’è lavoro, gli stipendi vengono tagliati e le condizioni di lavoro vengono peggiorate.

Ma gli operai a livello mondiale stanno mostrando la loro riluttanza ad accettare questi attacchi: ci sono scioperi e manifestazioni tutti i giorni in Cina; alla fine di gennaio due milioni e mezzo di lavoratori in Francia hanno scioperato contro la disoccupazione; gli studenti ed i giovani proletari in Italia, Francia, Germania e soprattutto in Grecia hanno dimostrato per le strade la loro rabbia contro una società che non offre loro alcun futuro. La rabbia degli operai nelle raffinerie non è specifica alla Gran Bretagna, ma fa parte di una risposta internazionale all’approfondimento del disastro economico.

Riunioni Pubbliche: La lotta degli studenti in tutta Europa conferma lo sviluppo della lotta di classe

Alla fine dell’anno 2008, quarant’anni dopo il 1968, diversi paesi d’Europa sono stati toccati simultaneamente da grandi movimenti di studenti (universitari e di scuola superiore). In Grecia, le affollate assemblee generali di studenti hanno anche evocato un nuovo “Maggio 68”. In effetti, non sono soltanto i giovani che si sono mobilitati contro gli attacchi del governo e contro la repressione dello Stato poliziesco, ma anche molti settori della classe operaia in solidarietà con le giovani generazioni.

L’aggravamento della crisi economica mondiale rivela sempre più il fallimento di un sistema che non ha più alcun avvenire da offrire ai figli della classe operaia. Ma questi movimenti sociali non sono soltanto dei movimenti della gioventù ma si integrano nelle lotte operaie che si sviluppano a livello mondiale. La dinamica attuale della lotta di classe internazionale, marcata dall’entrata delle giovani generazioni sulla scena della storia, conferma che l’avvenire si trova sicuramente nelle mani della classe operaia. Di fronte alla disoccupazione, alla precarietà, alla miseria e allo sfruttamento, il vecchio slogan del movimento operaio “Proletari di tutti i paesi, unitevi è più che mai attuale.

Invitiamo i nostri lettori a prendere visione dei nostri contributi sull’argomento (*) e a partecipare alla discussione che si svilupperà su questi temi in occasione delle nostre prossime riunioni pubbliche che avranno luogo a:

  • Milano, il 23 gennaio alle ore 17,30
  • Napoli, il 31 gennaio alle ore 17,00.

Per maggiori informazioni, fare riferimento al riquadro “Riunioni Pubbliche” che si trova qui a destra.

(*) La classe operaia sta già rispondendo alla crisi capitalista, Solidarietà con il movimento degli studenti in Grecia!, Grecia: una dichiarazione di lavoratori in lotta, La lotta degli studenti, in Italia come in Europa, una tappa importante della lotta di classe, Noi la crisi non la paghiamo. Vedi anche gli altri articoli sulla pagina in lingua francese.

La classe operaia sta già rispondendo alla crisi capitalista

La crisi finanziaria è al centro dell’attenzione dei mezzi di informazione. Ogni occasione aiuta ad oscurare il movimento internazionale della classe operaia, che è la sola che può dare una soluzione alla crisi. La International Labour Organisation dice che nei paesi industrializzati i salari diminuiranno dello 0,5% nel 2009. Basandosi su passate ricerche il Rapporto Globale sui Salari mostra che per ogni perdita dell’1% del Prodotto Interno Lordo pro capite, i salari scendono dell’1,55%. La recessione tocca duramente i lavoratori.

La lotta degli studenti, in Italia come in Europa, una tappa importante della lotta di classe

Nel precedente articolo sul movimento degli studenti apparso il 5 novembre scorso sul nostro sito web[1] mettevamo già in evidenza come questo traesse la sua maggiore forza non tanto dalla sua specificità di movimento di studenti quanto piuttosto dal riconoscimento, ampiamente presente al suo interno e testimoniato proprio dalla parola d'ordine diffusa a livello nazionale "Noi la crisi non la paghiamo", di costituire la nuova generazione di proletari e, in questo senso, di essere sottoposti, già a livello di formazione, alle esigenze di ristrutturazione del capitale. Normal 0 14 false false false IT X-NONE X-NONE MicrosoftInternetExplorer4

Repressione di uno sciopero in Brasile (volantino)

Pubblichiamo il volantino realizzato in comune dalla CCI e dal gruppo Opposizione Operaia, distribuito in Brasile il 20 ottobre nelle assemblee generali di lotta degli impiegati di banca. Normal 0 14 false false false IT X-NONE X-NONE MicrosoftInternetExplorer4

90 anni fa, la rivoluzione proletaria in Germania mette fine alla Prima Guerra mondiale

Il 4 novembre del 1918, a Kiel, porto tedesco sul Mar del Baltico, migliaia di marinai si rivoltarono contro il comando dell'esercito che aveva ordinato loro di lanciarsi in un'altra avventura guerriera.

Era stato raggiunto un punto culminante di malcontento e di rigetto della guerra. Dopo quattro anni di uccisioni di massa, 11 milioni di morti, un numero incalcolabile di feriti, dopo l'estenuante guerra di trincea che stava causando numerosissime perdite per gli attacchi con gas nel Nord della Francia ed in Belgio, con la carestia che stava colpendo la popolazione operaia, dopo questa immonda carneficina senza fine, la classe operaia tedesca fu tanto disgustata dalla guerra da non essere più disposta a sacrificare la propria vita per gli interessi della "nazione". Tuttavia, il comando militare impose il proseguimento della guerra con una brutale repressione e decise di punire spietatamente i marinai che si erano ammutinati.

Grecia: una dichiarazione di lavoratori in lotta

v\:* {behavior:url(#default#VML);} o\:* {behavior:url(#default#VML);} w\:* {behavior:url(#default#VML);} .shape {behavior:url(#default#VML);} Pubblichiamo qui di seguito una dichiarazione diffusa da lavoratori attualmente in lotta in Grecia e che si proclamano "insorti". Questi occupano, da mercoledì 17 dicembre (1), la sede della Confederazione Generale dei lavoratori ad Atene, principale centrale sindacale del paese, ed hanno fatto di questo sito un luogo di Assemblea Generale (AG), di riunione e di discussione APERTA A TUTTI.
occupazione_centrale_sindacale

Solidarietà con il movimento degli studenti in Grecia!

L’esplosione di collera e la rivolta delle giovani generazioni proletarizzate in Grecia non sono per niente un fenomeno isolato o particolare. Queste trovano le loro radici nella crisi mondiale del capitalismo e scontrandosi con la repressione violenta mettono a nudo la vera natura della borghesia e del suo terrore di Stato. Esse si trovano in linea diretta con le mobilitazione su un terreno di classe delle giovani generazioni in Francia contro il CPE del 2006 ed la LRU (1) del 2007, dove gli studenti ed i liceali si riconoscono innanzitutto come proletari che si rivoltano contro le loro future condizioni di sfruttamento. Del resto, l’insieme della borghesia dei principali paesi europei l’ha molto ben compreso confessando i suoi timori di contagio di simili esplosioni sociali di fronte all’aggravamento della crisi. Infatti, in modo significativo, la borghesia francese ha sospeso precipitosamente il suo programma di riforma dei licei. D’altra parte, già si sta esprimendo con forza il carattere internazionale della contestazione e della combattività studentesca e soprattutto degli studenti medi.

“Noi la crisi non la paghiamo!”

“Noi la crisi non la paghiamo!”[1]

E’ scoppiato il 2008!

Movimento di lotta alla Sicurezza Sociale, a Marsiglia

Nel novembre 2007, avevamo pubblicato una lettera di un lettore, firmatosi Sébastien, che descriveva “dall'interno" l'aumento della collera nei diversi servizi della Sicurezza Sociale di Marsiglia, col titolo "Una testimonianza della combattività operaia di

Dopo la repressione in Polonia: prospettive della lotta di classe mondiale

Il fatto che le prime grandi lotte degli “anni della verità" (come noi abbiamo chiamato gli anni '80 si siano avute proprio in Polonia dipende dalla debolezza della borghesia nei cosiddetti paesi "socialisti". Debolezza che si esprime sia sul piano economico che su quello politico. Infatti, l’esplosione operaia dell'estate '80 è scaturita direttamente dalla catastrofe economica che attanaglia il capitale polacco, uno degli anelli più deboli di questo insieme di paesi, poco sviluppati e particolarmente vulnerabili alla crisi, che costituisce il blocco dell'Est.


Lotta di classe nel Mondo. Una sola classe, una sola lotta!

Mai tanti paesi sono stati toccati simultaneamente da lotte e ciò testimonia la forza e la combattività operaia a scala internazionale. Anche in Italia, dove non ci sono episodi di lotte estese, ci sono state una serie di scioperi, lotte e proteste, in situazioni locali menzionate magari qui e lì in qualche piccolo trafiletto nella stampa o su internet, ma che fanno parte della dinamica alla ripresa dello sconto di classe che si sviluppa nel mondo. Come ad esempio la lotta

Le lotte dei lavoratori in Germania espressione di un accumulo di insoddisfazioni

Gli ultimi cinque anni hanno mostrato uno sviluppo della lotta di classe a livello internazionale. Queste lotte si sono sviluppate in risposta alla brutalità della crisi del capitalismo e al drammatico peggioramento delle condizioni di vita e di lavoro in tutto il mondo. Oggi, entrando in una nuova fase della crisi economica annunciata dalla crisi

Condividi contenuti